15/07/2018
405. 500 TEOLOGI DA TUTTO IL MONDO SI DANNO APPUNTAMENTO A SARAJEVO (26-29 LUGLIO 2018)
Ingrandisci carattere Rimpicciolisci carattere



Quasi 500 teologi, provenienti da un’ottantina di nazioni, s’incontreranno dal 26 al 29 luglio prossimi a Sarajevo, in Bosnia-Erzegovina, per discutere di come reagire a un ambiente globale geopolitico mutevole, e di come affrontare questioni controverse quali i cambiamenti climatici e le migrazioni. La conferenza s’intitola «A Critical Time for Bridge-Building: Catholic Theological Ethics Today» (Un momento critico per costruire ponti: l’etica teologica cattolica oggi).

Saranno presenti alcune tra le voci più influenti del settore, tra cui Paul Schotsmans (KU, Leuven/Belgio), Linda Hogan (Trinity College, Dublino/Irlanda) e Charles Curran (Southern Methodist University, Dallas/USA). Tra i partecipanti anche tre cardinali: Vinko Puljic (Sarajevo); Blase Cupich (Chicago); e Peter Turkson, a capo del Dicastero vaticano per la Promozione dello Sviluppo umano integrale.

La particolarità dell’evento è che si tratta del primo incontro organizzato non solo per un confronto e una riflessione tra accademici, ma con lo scopo di provocare un’azione sociale. «Questa conferenza è molto diversa», ha dichiarato p. James Keenan, co-direttore del gruppo “Catholic Theological Ethics in the World Church” (una rete di studiosi nata nel 2006 a Padova, che ora conta un migliaio di membri) e direttore del Jesuit Institute presso il Boston College. «Questa conferenza riguarda l’azione, per rispondere alle domande: “Cosa sto facendo? Cosa stiamo facendo? Come possiamo farlo?”. Non si tratta di riferire i risultati delle nostre ricerche; si tratta di agire».

Sigrid Müller, decano della Facoltà di teologia cattolica all’Università di Vienna, ha affermato che l’evento sta acquistando un’importanza particolare proprio mentre i leader populisti in diversi paesi «discutono di costruire muri e recinzioni per proteggere gli interessi nazionali. In questo clima politico, è molto importante che i moralisti, che si preoccupano dell’umanità su scala internazionale, si riuniscano. Come esperti di etica, credo che dobbiamo avanzare la richiesta di nuove modalità responsabili per trovare delle soluzioni a livello globale, perché questi problemi non possono restare confinati a un singolo stato. Essi hanno infatti origini internazionali».

La conferenza di Sarajevo, della durata complessiva di quattro giorni, è suddivisa in tre parti:

  1. Comprendere le origini della rete globale
  2. Delineare le sfide che la società deve affrontare oggi
  3. Definire l’“esortazione ad andare avanti” dei moralisti

Gli studiosi invitati a tenere le relazioni provengono da un ampio spettro di contesti nazionali e da storie professionali differenti. Anche la città prescelta per l’incontro, Sarajevo, vanta una storia di cooperazione interreligiosa, avendo una popolazione a maggioranza islamica ma anche delle importanti comunità ortodossa e cattolica. Inoltre, la città è stata vittima, dal 1992 al 1995, di un brutale assedio durante la guerra dei Balcani, e anche questo aggiunge significato alla scelta del luogo.

È possibile scaricare il programma dettagliato dell’evento CLICCANDO QUI.


 

 

© 2018 by Teologi@Internet

Forum teologico diretto da Rosino Gibellini

Editrice Queriniana, Brescia (UE)
Teologi@Internet: giornale telematico diretto da Rosino Gibellini