Disponibile
Salvezza mediata
Felix Körner, Wolfgang Thönissen (edd.)

Salvezza mediata

Martin Lutero e i sacramenti

Prezzo di copertina: Euro 30,00 Prezzo scontato: Euro 28,50
Collana: Giornale di teologia 421
ISBN: 978-88-399-3421-5
Formato: 12,3 x 19,3 cm
Pagine: 320
Titolo originale: Vermitteltes Heil. Martin Luther und die Sakramente
© 2019

In breve

Edizione italiana a cura di Angelo Maffeis

Contributi di: Theodor Dieter; Michel Fédou; Jari Jolkkonen; Kurt Koch; Angelo Maffeis; Gerhard Müller; Friederike Nüssel; Jorge A. Scampini; Wolfgang Thönissen; Stefan Tobler; Etienne Vetö.

Descrizione

Per tanto tempo, sia da parte cattolica che da parte evangelica, si è ritenuto che Martin Lutero avesse eliminato i sacramenti come mezzi efficaci di salvezza.
Da circa cinquant’anni, però, il dialogo luterano-cattolico ha evidenziato che il «solo per grazia, nella fede nell’azione salvifica di Gesù Cristo» non va compreso come esclusione dei sacramenti della chiesa, ma come una totalità, fondata sulla Scrittura, costituita da giustificazione, fede, sacramenti e ministero. Cattolici e luterani hanno così imparato, insieme, a superare i pregiudizi tramandati e le controversie che ne sono derivate. Oggi, insieme, possono imparare a comprendere – in una rilettura ecumenica – le richieste della teologia di Lutero.
I contributi qui raccolti si basano sulle relazioni tenute durante un convegno internazionale svoltosi a Roma e organizzato dalla Pontificia Università Gregoriana, dal Pontificio Consiglio per la promozione dell’unità dei cristiani e dal Johann-Adam-Möhler-Institut, in occasione della commemorazione dei cinquecento anni dall’inizio della Riforma.

Recensioni

Il volume raccoglie contributi basati sulle relazioni presentate in un convegno organizzato congiuntamente da cattolici e luterani nel 2017 per la commemorazione dei cinquecento anni dall’inizio della Riforma, dal titolo “Lutero e i sacramenti. Una rilettura cattolica in una prospettiva ecumenica. Il tema viene affrontato mettendo in primo piano da una parte i sacramenti di battesimo, eucaristia, confessione e ordinazione, dall’altra il ruolo della Chiesa. L’interesse dei testi è dovuto alla relativa novità dello sforzo di comprensione reciproca dimostrato dalle chiese cattolica e riformata, non precedente al secolo scorso, e alla considerazione che anche i cattolici rivolgono da pochi decenni a Lutero come teologo, al di là delle intemperanze linguistiche dei suoi scritti, caratteristiche di un’epoca di contrapposizioni fortissime. Fra tutte le considerazioni, una delle più efficaci proviene dal finlandese Jari Jolkkonen, per il quale “Lutero potrebbe comunque essere definito un cattolico riformato”.


S. Valzania, in Radio InBlu – La Biblioteca di Gerusalemme 16 maggio 2020

La Riforma protestante ha come suo tema centrale il rapporto tra la sola Gratia «nella fede nell’azione salvifica di Gesù Cristo e i sacramenti»: non a caso le 95 Tesi, autentica scintilla che divampò l’incendio del decennio successivo, ha al suo fondo la problematica di come il credente incontra nella Chiesa il perdono dei peccati. Il vol. raccoglie i contributi di un congresso tenuto presso la Pontificia università gregoriana, organizzato congiuntamente dal Pontificio consiglio per la promozione dell’unità dei cristiani e dal Johann-Adam-Möhler-Institut nel 2017 in occasione del V centenario della Riforma: un’occasione da parte dei cattolici e dei luterani per approfondire, in una comune riflessione ecumenica, le ragioni teologiche del monaco agostiniano Martin Lutero.


D. Segna, in Il Regno Attualità 2/2020, 33

Consigliati