Disponibile
Seguire Cristo e diventare discepoli
Frère François di Taizé

Seguire Cristo e diventare discepoli

Riflessioni bibliche

Prezzo di copertina: Euro 12,00 Prezzo scontato: Euro 9,60
Collana: Itinerari biblici
ISBN: 978-88-399-2915-0
Formato: 13 x 21 cm
Pagine: 112
Titolo originale: Suivre le Christ et se faire disciple. Réflexions bibliques
© 2018

In breve

«La fede non si lascia ridurre all’accettazione di un certo numero di verità né a un’insistenza sulla morale. La fede “consegna” il credente alla persona viva del Cristo: gli chiede di abbandonarsi a Cristo, di mettersi in cammino, di lasciare che Cristo disponga di sé. La fede “espone” il credente. Ecco perché non è semplicemente un aderire a una teoria o a una pratica religiosa: è entrare in una relazione personale con Gesù e seguirlo».

Descrizione

Chi crede in Cristo sa di non potersi accontentare di una pratica religiosa che si aggiunge alla vita ordinaria così come una salsa si aggiunge a una pietanza per esaltarne i sapori. Credere in Cristo implica invece seguirlo, così come hanno fatto i primi cristiani dopo la risurrezione.
Ebbene, la sequela di Gesù la si può capire solo sul piano dell’amore. Chi si fa suo discepolo sperimenterà di essere sostenuto dall’amore di Dio che Gesù stesso gli rivela. Lasciandosi attirare e plasmare da quell’amore, potrà andare al di là di se stesso.
Tocca a noi costituire l’anello mancante fra Cristo risorto e coloro che non hanno ancora creduto in lui: gli altri potranno sperimentare, attraverso la nostra vita, chi è stato Gesù e che cos’ha insegnato. Diventando discepoli a loro volta.
Frère François tenta qui, insomma, di condividere un’esperienza, nello stile inconfondibile della comunità ecumenica di Taizé: la fede come un consegnarsi a Cristo. Anziché scorrere in fretta i vari capitoli, infine, egli chiede al lettore di leggere lentamente e di soffermarsi ogni volta che un passo attira l’attenzione. Anche perché scoprire e accogliere che cosa comporta “diventare discepoli” è il lavoro di tutta una vita...

Recensioni

La vita cristiana non è aderire a un insieme di valori più o meno spirituali, o seguire determinate pratiche da aggiungere semplicemente alla propria vita ordinaria. Essere cristiani vuoi dire, né più né meno, essere discepoli di un Maestro crocifisso e risorto: «Difatti la fede "consegna" il credente alla persona viva del Cristo. Accedendo alla fede, egli si abbandona a lui. Si mette in cammino, si impegna e lascia che il Cristo disponga di lui. Una tale fede induce a prendere le distanze rispetto a ciò che il mondo crede e può perfino provocare un conflitto; essa espone il credente»(frère François di Taizé).

Il volumetto, edito da Queriniana, offre una serie di spunti biblici e spirituali per quanti desiderano prendere sul serio questa chiamata a essere cristiani, alla sequela del Cristo e da lui resi anello di una catena che dal Crocifisso Risorto giunge a quanti ancora non hanno creduto in lui.


A. Passiatore, in La Vita in Cristo e nella Chiesa 4/2019, 62

La fede è un consegnarsi a Cristo: è il messaggio di frère François della comunità ecumenica di Taizé. Non un accessorio, qualcosa a cui si aderisce: ma proprio un mettersi a disposizione.

Seguire Cristo come anche i discepoli hanno fatto. «Coloro che credono in Cristo sanno di non potersi accontentare di una pratica religiosa che si aggiunge alla vita ordinaria così come una salsa esalta il cibo».

L'invito è quello di soffermarsi sulle pagine del libro, di assaporarle lentamente e farle proprie, in un elogio del silenzio e della riflessione.


In Jesus 3/2019, 95

Andate «dunque e fate discepoli tutti i popoli… insegnando loro a osservare tutto ciò che vi ho comandato. Ed ecco, io sono con voi tutti i giorni, fino alla fine del mondo» (Mt 28,19-20). In questi versetti è riassunto il contenuto del testo, che prende in esame il tema del discepolato. La verticalità del rapporto con il Cristo pone il discepolo a operare nel presente, senza attardarsi vanamente nell’attesa della sua seconda venuta. Si sostiene che la sua Parola deve essere fatta conoscere oltre i confini etnici, sociali o ideologici. Il libro raccoglie l’esperienza comunitaria di Taizé, dove si dà testimonianza dell’amore fraterno che, anche nelle prove più difficili della vita, rivela le promesse evangeliche.
G. Azzano, in Il Regno Attualità 2/2019, 33