Kurt Koch

Tempo di interiorità

Per una Chiesa che vive il mistero
Prezzo di copertina: Euro 15,50
Prezzo scontato: Euro 13,25

Collana: Giornale di teologia 349
ISBN 978-88-399-0849-0
Pagine: 192
Formato: 12,3 x 19,5 cm
Titolo originale: Bereit zum Innersten. Für eine Kirche, die das Geheimnis lebt
© 2011

In breve

Oggi più che mai, la fede deve tuffarsi in maniera responsabile e credibile nella propria profondità insondabile. Se questo libro cerca di riprendere le parole fondamentali della fede cristiana, è esattamente per promuovere una chiesa che vive il mistero e suscita la gioia del credere.

Descrizione

La Chiesa si muove oggi convulsamente tra management e spiritualità, tra sviluppo dell’organizzazione e approfondimento della fede. Ma la missione fondamentale della Chiesa consiste nell’essere strumento docile al servizio della realizzazione della salvezza da parte dello Spirito di Dio nel cuore degli uomini.
Il libro raccoglie “letture spirituali” e promuove una Chiesa che vive il mistero e suscita la gioia della fede. «Nella fedeltà al concilio, lavoriamo a un futuro buono della Chiesa se inquadriamo i tanti discorsi che facciamo in essa nell’unico discorso relativo a Dio».

Altre info

Recensioni

Nell’incalzante stile di vita occidentale per cui l’efficienza di un’azienda è valutata dall’efficacia nel saper piazzare i propri prodotti, talora anche i cristiani rischiano di stimare la chiesa alla luce della sua produttività. Quanto è pianificabile la chiesa, irrorata dallo Spirito ma costruita dall’ingegno degli uomini? Questa è la domanda di fondo che si pone il cardinale Kurt Koch. L’autore, facendo tesoro dell’insegnamento di dogmatica e liturgia, sa impostare un discorso coinvolgente sulla chiesa contemporanea, alla ricerca di un equilibrio fra l’essere e il fare. Si comprende così che la chiesa «non esiste semplicemente per soddisfare dei bisogni e delle attese, ma per celebrare misteri, soprattutto il mistero pubblico della verità del vangelo». Fare o essere? La domanda si rivolge in fondo a ogni credente: solo a partire dalle fondamenta, dal battesimo e dall’eucaristia, il cristiano scoprirà una chiesa che è fare ed essere, cioè vita, cammino verso Dio. Un testo profondamente personale, che sa trattare il tesoro della fede con parole semplici, alla portata di tutti.

A. Giampietro, in Jesus 11/2011 p. 112

Il libro riporta 20 meditazioni dirette e incisive, semplici e profonde. Il filo rosso che attraversa la riflessione è quello di un ripensamento rigenerante della fede. In modo particolare, la sottolineatura della natura ambivalente della fede, o meglio, del vissuto della stessa: la fede che coniuga «l’affidabilità del cielo e la fedeltà della terra». Lungi dall’erigere una fede non evangelica che sfugge dalla vita, Koch sottolinea che «la vita della fede nell’ebbrezza dello Spirito Santo non priva affatto la sequela e l’attività costruttiva nel mondo della loro serietà, ma induce piuttosto necessariamente a rimanere fedeli alla terra. Naturalmente è vero anche il contrario: la nostra fedeltà alla terra ha il proprio vero fondamento nella nostra fedeltà al cielo». È proprio questo doppio sguardo che non crea doppiezza, bensì armonia, a rendere la vita lungimirante e a farci percepire lontanamente la pienezza della vera ri-creazione, la Nuova Creazione separata nella fede.

R. Cheaib, in www.zenit.org del 12 agosto 2013

Consigliati