Disponibile
Nuovo Corso di Teologia Sistematica vol. 3. Trattato su Gesù Cristo Figlio di Dio Salvatore
Maurizio Gronchi

Nuovo Corso di Teologia Sistematica vol. 3. Trattato su Gesù Cristo Figlio di Dio Salvatore

Prezzo di copertina: Euro 65,00 Prezzo scontato: Euro 55,25
Collana: Grandi opere
ISBN: 978-88-399-2403-2
Formato: 17 x 24 cm
Pagine: 1088
© 2008, 20173

In breve

La domanda che Gesù rivolge ai discepoli – «Voi chi dite che io sia?» – funge da filo conduttore. In che rapporto stanno l’identità del Nazareno, così come è stata mediata dalla testimonianza apostolica, e le successive precisazioni della medesima identità? Seguendo la riflessione del passato e dei decenni più vicini a noi, il trattato offre una risposta – «Gesù Cristo, Figlio di Dio, Salvatore» – che fonde cristologia e soteriologia. Il volume infatti, più del classico manuale, si propone come introduzione a un incontro con Colui che è oggetto ultimo dell’umana attesa.

Descrizione

Il presente trattato ha il pregio della chiarezza espositiva, accompagnata dalla ricchezza delle informazioni: chi lo accosta trova tutto il necessario per comprendere luoghi, tempi, formule, visioni; nulla deve essere cercato in altri testi. Il percorso di apprendimento è pertanto facilitato: il lettore viene guidato alla conoscenza della riflessione dei secoli passati e degli ultimi decenni, sì da acquisire gli elementi per dare la sua risposta sia alla domanda originaria sia alle provocazioni che l’attuale congiuntura presenta, in particolare quelle che vengono dal pluralismo religioso.
«Voi chi dite che io sia?». La domanda rivolta da Gesù ai suoi discepoli nei pressi di Cesarea di Filippo è risuonata molte volte nel corso dei secoli e continua a risuonare anche oggi. La risposta è stata ed è, per molti versi, sempre la stessa, ma per altri, si è diversificata in dipendenza dalle congiunture storico-culturali. Il cristiano di oggi (ma anche chi cristiano non è) si trova di fronte a un interrogativo ineludibile: la risposta dei secoli passati ha ancora valore o se ne deve cercare una corrispondente alla situazione odierna? In questo secondo caso, come si può mantenere la continuità con la risposta della prima ora? Inoltre, c’è una risposta normativa, dalla quale, pur nella variazione dei luoghi e dei tempi, non si può prescindere, pena negarsi la possibilità di entrare in rapporto con Colui che ha posto per primo la domanda? E come fare, eventualmente, a cercare tale risposta?
Le questioni che una ricerca su Gesù deve porsi incrociano necessariamente la questione del rapporto tra l’identità del Nazareno mediata dalla testimonianza apostolica e le successive precisazioni della medesima identità. Si tratta della questione ermeneutica che sta a fondamento di ogni indagine teologica. Ed è la questione fondamentale sottesa a questo volume, pensato come manuale per la scuola, ma offerto a molteplici possibili lettori. La risposta qui presentata – «Gesù Cristo, Figlio di Dio, Salvatore» – mette insieme, come è doveroso, cristologia e soteriologia: l’identità di Gesù appare quando si fa, in lui e grazie a lui, esperienza della salvezza donata da Dio. In tal senso il volume si propone come introduzione a un incontro, pensato, con Colui che ogni persona umana, a volte inconsciamente, attende.

Recensioni

Un manuale che merita attenzione per la sua strutturazione. In esso, infatti, la chiarezza espositiva si accompagna alla ricchezza delle informazioni che vengono fornite, in modo tale che il mistero di Cristo possa essere investigato in tutte le sue dimensioni (Scrittura, tradizione e visione sistematica). Inoltre, nella terza sezione, particolare attenzione viene posta a Le odierne cristologie contestuali. In essa, l'autore fornisce un quadro ampio e esauriente delle cristologie in Europa, nel continente latinoamericano, in Africa e in Asia, nonché sulle cristologie nel contesto femminile, che costituiscono certamente un pregio, anche se non l'unico, di un'opera poderosa ma di sicura efficacia per lo scopo che si prefigge.


P. Sguazzardo, in >i>CredereOggi 211 (1/2016) 144